icon-omen-news

News

News

Audit Energetici: obbligo di diagnosi energetica

audit

Una scadenza importante per il 2019: 

il prossimo audit energetico impegna grandi aziende e imprese energivore a raccogliere i dati sui propri consumi energetici.

Secondo il decreto Lgs 102/2014, le Grandi Imprese e le Imprese Energivore sono state obbligate ad eseguire una diagnosi energetica ogni 4 anni. Relativamente agli audit energetici per soggetti obbligati, in scadenza al 05 dicembre 2019, è necessario includere una serie di valutazioni derivanti dall’analisi di dati acquisiti in sito da parte di sistemi di monitoraggio dei consumi energetici.

Infatti, se per il 1° audit (2015) era ammessa una deroga alle misure reali acquisite in campo, negli audit successivi tale deroga non è più ammessa.

Ciò è stato specificato con documento Enea pubblicato ad inizio anno in cui si riportano delle linee guida in merito ai sistemi di monitoraggio. Nello specifico Enea, nel documento citato, precisa che la normativa di settore impone la misurazione di una quota parte dei consumi aziendali con riferimento ai 3 settori di suddivisione ovvero: processo, servizi ausiliari e servizi generali.

In particolare vengono suggerite anche delle percentuali minime di misura, per settore, da effettuare in funzione dei consumi aziendali complessivi del sito sottoposto ad audit:

audit2

Viene infine specificato che la durata della campagna di misura deve essere sufficientemente rappresentativa del consumo annuale. 

Il decreto inoltre individua figure ben precise, abilitate a eseguire tali diagnosi energetiche presso le imprese soggette all’obbligo; si tratta di personale certificato EGE (Esperto in Gestione Energia) o Esco certificate.

Om.En dispone, a tale proposito, di personale certificato EGE con esperienza specifica nel settore di audit energetici e dell’efficienza energetica sia per il settore industriale che per il settore civile.

Per maggiori approfondimenti e per valutazioni relative a proposte per la conduzione di audit energetici specifici è possibile contattare

la dott.ssa Micol Scalvenzi

fb6Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.